Come coltivare peperoncini in casa

Coltivare peperoncini in casa è possibile?

Iniziare la coltivazione dei peperoncini dentro casa è fattibile, ma è poi necessario trapiantare le piante all’esterno perché, per maturare e diventare ben piccanti, i peperoncini hanno bisogno di tanto sole.

Iniziare a coltivare peperoncini indoor significa poter sfruttare pienamente il periodo estivo per la produzione dei frutti: se, infatti, iniziamo a piantare i semi dentro casa verso marzo, potremo arrivare a trapiantare a terra o in vaso le piccole piantine a maggio, iniziando il raccolto a luglio.

IMG_3943

Se si ha a disposizione un giardino, in cui fare un piccolo orticello, i problemi non sussistono. Se invece si vive in reatà metropolitane, ma con almeno un balcone o un terrazzo, qualche bel vaso di peperoncini può essere comunque messo a dimora.

Per coltivare peperoncini, quello che consiglio è di munirsi di pazienza, sfruttando il metodo economico che vi illustro di seguito: si tratta di far germinare i semi di peperoncino all’interno di bicchieri di plastica creando una microserra artigianale che garantisca all’ambiente di germinazione idealmente 26°C costanti.

In pratica per favorire la germinazione dei semi di peperoncino, è sufficiente seguire i seguenti passi:

  1. Mettere i semi di peperoncino a bagno per almeno 24 ore in camomilla che, oltre ad essere un emolliente per il tegumento del seme, funge anche da disinfettante
  2. Foderare internamente una scatola di cartone con alluminio
  3. Prendere dei bicchieri di plastica e intagliare il bordo sul fondo (5 taglietti) per permettere all’acqua di non ristagnare
  4. Riempirli di terra fino ai 2/3 e bagnare abbondantemente
  5. Adagiare i semi (consiglio uno per bicchiere) e ricoprire con mezzo cm di terra, compattando bene la terra (senza pressare esageratamente)
  6. Ribagnare la terra abbondantemente ma con uno spruzzino
  7. Creare un archetto di fil di ferro ben saldo (da fissare alla scatola) a cui si dovrà poi appendere una lampadina compatta fluorescente (15-20W sono sufficienti) con luce bianca fredda (T>6500K)
  8. Coprire tutto con fogli d’alluminio, avendo l’attenzione di lasciare un buco per lo sfiato d’aria in modo tale che non si surriscaldi il filo o il portalampada (meglio se di metallo)

La temperatura interna non deve mai scendere sotto i 18°C, né superare i 32°C. Umidità consigliata intorno all’80%. Con 26°C costanti la germinazione avviene generalmente entro dieci giorni.

germinazione peperoncini

Per esperienza, dopo la germinazione, la lampada va tenuta accesa:

  • 16 ore al giorno per le prime 4 settimane
  • 12 ore al giorno per le successive

Concimare leggermente le piantine quando hanno raggiunto l’altezza di 5-7 cm con del concime azotato (lo vendono in scatola sotto formato di sferette): ne bastano 5 per bicchiere, stando attenti a non mandarle a contatto con il fusto della pianta.

Annaffiare regolarmente, evitando che la terra si secchi totalmente e, tempo 2 mesi, avrete piantine di peperoncino alte 20 cm pronte per il trapianto.

Godetevi la germinazione: coltivare una pianta di peperoncino e vederla mentre prende vita è un’emozione indimenticabile che vi attrarrà giorno dopo giorno.