Categorie
Varietà di Peperoncino

Poblano

Il Poblano, insieme con jalapeno, serrano e pasilla bajio, è uno dei peperoncini messicani più famosi al mondo: noto anche come Chile Poblano, è ingrediente molto presente nelle ricette tradizionali messicane per il suo ottimo gusto; una sorta di peperone in miniatura, lungo tra i 7 e i 15cm, ma piccante: questo peperoncino viene generalmente raccolto verde, per la sua croccantezza e meglio apprezzarne il gusto, limitando al minimo il livello di piccantezza.poblano

Appartiene alla specie degli Annuum e deve il suo nome allo Stato di Puebla, uno dei 31 del Messico, di cui è originario.

Se lasciato maturare, diventa rosso scuro, a volte quasi nero, acquista media piccantezza e viene di solito essiccato: in questo caso prende il nome di Chile Ancho, o semplicemente Ancho, che in spagnolo significa largo (proprio per la sua differenza di dimensioni rispetto a quelle di un comune peperoncino).poblano pianta peperoncino

Le ricette della tradizione messicana più famose, realizzate con il Poblano, sono i Chiles Rellenos, ovvero Poblano ripieni e fritti che, in una variante sono noti come Chiles en Nogada: questo piatto si presenta con i tre colori verde (poblano) bianco (salsa alla noce castigliana) e rosso (chicchi di melagrana) della bandiera messicana, onorandone l’indipendenza. Ma in Messico viene usato anche come base per la famosa Mole Poblano, salsa piccante al cioccolato. La succosità, unita alla polposità e la piccantezza quasi nulla di questo peperoncino, vi spingeranno probabilmente verso l’uso a crudo ma, a mio avviso, potrebbe risultare piuttosto indigesto.

La pianta del Poblano somiglia molto a quella di un classico peperone nostrano, supera facilmente il metro di altezza e, per sostenere meglio il peso dei grossi frutti sui singoli rami, evitando che si spezzino, ne consiglio la legatura.

Anche la forma del frutto è simile ad un peperone, con la differenza che la sezione si restringe man mano che si procede verso la parte terminale.poblano peperoncino messicano

Benché si tratti di una cultivar appartenente alla specie degli Annuum, generalmente i più veloci dalla nascita alla maturazione, ho riscontrato per questa varietà circa sei mesi dalla semina al raccolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra che completa l'operazione per verificare che non sei un robot *