Categorie
Ricette Piccanti

Crema di Naga Morich

La ricetta di questa crema di Naga Morich mi è arrivata da Sicilia Piccante, fan di PeperonciniPiccanti.com, che la descrive come una vera bomba al peperoncino

Il Naga è ormai uno dei peperoncini più famosi a causa della sua piccantezza estrema, che lo posiziona tra i più piccanti al mondo.

La ricetta proposta in questo post è velocissima da realizzare e, poiché non viene portata a bollitura e messa in contenitori sterili, ricordo che va consumata espressa.

Tutto quello di cui avete bisogno per preparare questa crema di peperoncino piccantissima è una bella pianta di Naga Morich in casa, che produca dei peperoncini da staccare e mangiare nel giro di pochi minuti 😉

Se poi non avete i naga e volete provare a coltivarli in casa, lanciate un help sulla pagina facebook e qualche fan piccante vi darà una mano 😀 oppure usate i peperoncini che avete in casa e ripiegate su un paté di peperoncino meno estremo.

Di seguito le foto dei Naga di Sicilia Piccante e della crema piccante da lui realizzata.crema naga morichcrema di naga morich

INGREDIENTI

  • 12 peperoncini naga morich
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 pomodorino ciliegino di Pachino
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino d’olio extravergine d’oliva

PREPARAZIONE

  1. Lavare, asciugare e svuotare dai semi i Naga Morich
  2. Tagliare i peperoncini a pezzetti (ricordare di usare i guanti per evitare brutte sorprese)
  3. In un mixer frullare i peperoncini con l’aglio, il pomodoro, il sale e l’olio

CONSIGLI

  • Dato che si tratta di una salsa estremamente piccante, consiglio di usarla con parsimonia e di abbinarla a carni molto grasse (come salsicce o costine di maiale alla griglia) oppure a formaggi semistagionati (pecorini).
  • Se doveste andare in crisi perché non riuscite a resistere alla piccantezza della crema di Naga Morich, al fine di contenere il bruciore in bocca, i rimedi sono i seguenti: mangiate pane (per abrasione il pane toglie il piccante dalla lingua), mangiate formaggio (la caseina si lega alla capsaicina portandosela dietro) bevete latte intero (i grassi sciolgono la capsaicina, che è liposolubile)
    • INUTILE BERE ACQUA!!! Proprio perché la capsaicina è liposolubile, e non idrosolubile, bere acqua non porta alcun beneficio

9 risposte su “Crema di Naga Morich”

Ciao Gianni, la salsa è espressa, non destinata alla conservazione, anche se teoricamente potrebbe resistere sottoponendola a procedura di invasettamento e bollitura. Il consiglio è di farla poco alla volta

Ciao, l’ho fatta ed è molto buona ma è veramente per pochi temerari quindi ci ho aggiunto mezza pera e aggiustato di sale.
Sui formaggi e le carni rosse è deliziosa. Io però preferisco l’originale.
Grazie.

Si può utilizzare dell’aceto per la conservazione. O molte volte ho messo dell’olio extravergine sulla crema in modo da coprirla. Utilizzando la crema ricordarsi di riboccare con l’olio. Così è durata settimane.

Sono alle prime armi, possiedo dei maga morich secchi, posso provare a fare quella ricetta ? Oppure li ho congelati nel freezer ….. Aiutatemi

Ciao Adriano, se vuoi farla con quelli secchi devi aggiungere un peperone dolce per creare la cremosità, che altrimenti non avrebbe luogo per mancanza di sostanza.
Se vuoi farla coi congelati consumala entro un paio di giorni, o per lo meno questo è il mio consiglio.

Quest’anno ho piantato il naga morich e sta crescendo benissimo!
Ho letto la ricetta e mi attira molto però io vorrei prepare delle salse che possano durare nel tempo (considerando che piccano tanto). Qualcuno ha mi potrebbe suggerire una variante a questa oppure altre ricette o sistemi per conservare le salsine nel tempo?

Grazie in anticipo.

Ciao Gianpaolo, affinché le salse si conservino nel tempo è necessario che si seguano i processi di pastorizzazione o, per lo meno, quelli di bollitura in casa (anche se le caratteristiche delle salse, naturalmente, vengono modificate). Per quanto riguarda le ricette, ne hai già a disposizione sulla sezione ricette e puoi torvarle cliccando sul tag Salse che trovi in fondo all’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra che completa l'operazione per verificare che non sei un robot *