Categorie
Varietà di Peperoncino I Peperoncini più Piccanti

Carolina Reaper

Il più piccante nella classifica dei peperoncini più piccanti al mondo, con una coda a caratterizzarne l’aspetto particolare

Carolina Reaper è il nome del peperoncino che a Novembre 2013 si è guadagnato il titolo di peperoncino più piccante al mondo. Il nome completo, con cui è stato registrato, è Carolina Reaper Smokin’ Ed, in cui è indicata la provenienza, ovvero il South Carolina, negli Stati Uniti, e il suo creatore, Ed Currie.

Al vertice della classifica dei peperoncini più piccanti al mondo, il Carolina Reaper scalza il famoso Trinidad Scorpion Butch T, di origine australiana, che guadagnò tale titolo nel 2011.

L’aspetto “cattivo” di questo peperoncino fa da premonitore alla sua piccantezza: rosso fuoco, poroso, e con una codina appuntita. Che ne dite, ho ragione?peperoncino carolina reaper

 

Personalmente preferisco peperoncini un po’ più profumati e aromatici, ma non ho resistito alla tentazione di assaggiarlo appena colto. Placare l’incendio non è stato facile 🙂

Al palato, inutile dirlo, è una sorta di anestetico… Ho dato fondo alla riserva di latte e formaggi in frigorifero 🙂 In cucina va quindi usato con molta moderazione e abbinato sapientemente. Consiglio di realizzarci delle ottime marmellate di frutta piccanti o, una volta essiccati, del buon olio piccante, anzi, piccantissimo! 😉

La pianta del Carolina Reaper si adatta bene ad un clima caldo e umido, è altamente produttiva di frutti, e presenta parecchie ramificazioni. La fioritura che ho rilevato è piuttosto tardiva, ma ad essere sincero, quest’anno il meteo finora non ha aiutato, quindi non posso stabilire se sia una caratteristica peculiare di questa varietà di peperoncini.

carolina reapercarolina reaper

39 risposte su “Carolina Reaper”

ciao ho visto il sito e mi incuriosisce parecchio, ieri ho fatto il raccolto annuale, Naga Morich, Habanero, rossi, arancio e chocolate, hot lemon e alcuni (purtroppo pochi) trinidad scorpion, oltre a alcune piantine più normali, diavolicchio e simili. Temevo che l’annata umida non aiutasse, invece i naga morich sono tanti, belli e … veramente tosti (provare per credere) io vivo a nord di Milano

Salve ragazzi sto cercando semi di naga morich Trinidad scorpion carolina reaper habanero e tanti altri tipi se qualcuno avesse dei semi da mandarmi ne sarei molto felice perché le finanze sono a corto …..

mi sono costruito la mia grow box grazie a questo sito e volevo vedere e provare i suoi frutti e solo che sono a corto di semi… confido in voi

grazie mille già fatto e come al solito siete di grande aiuto sono contento di far parte di questa famiglia e se troverò persone che mi aiuteranno quando nasceranno le mie piante sarò contentissimo di aiutare altra gente come me che a bisogno di semi e magari anche con chi coltiva già per scambiarci tipologie di peperoncini e consigli .
siete grandi e confido in voi!

Ho appena piantato un Carolina Reaper trovato quasi per caso in una serra… vedremo ciò che accade e soprattutto se il raccolto sarà così piccante come promesso.
Due anni fa ho provato con i Trinidat Scorpion ma personalmente non li ho trovati estremamente piccanti…
Molto più piccanti continuavano ad essere i miei peperoncini che semino e pianto ogni anno, di cui però non ne conosco il nome, avendone ottenuti un paio di esemplari dal cuoco di un ristorante in cui ero andato a fare cena 🙂

La piccantezza dipende dal clima che hai e dalle condizioni generali di coltivazione e pre-raccolto. Ammesso che gli esemplari siano puri, naturalmente. Facci sapere come va… per me il Carolina Reaper è stato devastante, ma d’altronde lo era stato anche il Trinidad Scorpion… 😀

Ciao buongiorno volevo chiedervi delle informazioni: ho piantato per la prima volta il Carolina e se non sbaglio sta già uscendo qualche frutto,volevo sapere come far raggiungere il massimo della piccantezza

Ciao Luca, la piccantezza dipende dal setup di coltivazione che utilizzi (se all’aperto, quindi, dal clima della tua zona). Per aumentare la piccantezza del Carolina Reaper, anche se non ne vedrei il bisogno, prima di raccogliere i frutti lascia la pianta per due o tre giorni senza irrigazione. Questa pratica ti ridurrà la quantità d’acqua presente nei frutti e la piccantezza risulterà più accentuata.

Ciao ragazzi,
sto’ coltivando con terreno e concime biologico una piantina di Carolina Riper.
In un mese si sono già formati i primi peperoncini, la pianta cresce alla grande e cerco di farle prendere quanto più sole possibile.
Ovviamente la piccantezza dipende dalle condizioni climatiche della zona di coltivazione ma credo che una stagione calda sia una condizione fondamentale per un buon raccolto.
Una volta raccolti i peperoncini, come faccio a conservare dei semi per poterli piantare l’anno seguente o per poterli scambiare con altri?
Ciao e grazie

Ciao Dario, una volta estratti, meglio se lasciati attaccati alla placenta, puoi conservare i semi in luogo fresco e asciutto, al buio. Puoi anche farli asciugare inizialmente in un frigorifero no-frost oppure classicamente al sole

ciao DANIELE buon primo giorno estivo e tanti bei frutti. Ti ho mandato una foto del mia piccola CAROLINA conforme <3 STATTE BONUU…… 😉

salve a tutti! La mia pianta di Carolina Reaper ha una cascola totale di fiori già da 1 mese circa! È esposta al sole mattina e tardo pomeriggio evitando le ore intense la innaffio 3 volte al gg con il sistema poco e spesso i sottovasi sono sempre asciutti, le foglie non si sono mai afflosciate! Ormai sarà alta quasi 50/60 cm, il terriccio è un mix di universale+terriccio da trapianto! Ho anche habanero choco e rosso è naga morich tutte produttive con i frutti ben formati! Quale potrebbe essere il motivo della cascola del Carolina!? Grazie a tutti

Ciao Alessandro, prova ad acidificare leggermente l’acqua di irrigazione con una decina di gocce di succo di limone, e se lo trovi in commercio, prova a rinforzare la concimazione con del boro. Leggi l’articolo sulla concimazione dei peperoncini qui

Ciao a tutti, mi hanno portato una piantina di Carolina Reaper red, mi ha detto di tenerla all’ombra e dargli acqua solo quando la terra è asciutta e una volta a settimana di dargli acqua con concime da lui fornitomi.
Io però sapevo che le piantine di peperoncino avevano bisogno di tanto sole, perché questa dovrebbe stare all’ombra?

Ciao, le piante in pieno sole stanno bene se la loro struttura è tonica e ben sviluppata. Probabilmente ti hanno consigliato di tenerla in ombra per favorire lo sviluppo vegetativo. Personalmente preferisco, in questi casi, la luce filtrata da alberi, per esempio, o sole diretto alle prime ore del mattino

Ho messo per la prima volta una piantina di Carolina reaper e devo dire che come pianta é stupenda, bellissimi anche i frutti. Peccato non poter postare le foto. Comunque sono anni che ormai coltivo i peperoni e peperoncini in serra con risultati superlativi. La serra si presta per l’alto valore di umidità e il filtraggio dei raggi solari

Salve ho comprato circa 3 mesi fa un piantina che credevo essere carolina reaper: ora però, guardando bene le foto, credo mi abbiano venduto una cosa per un’altra… come posso capire che tipo peperoncino ho? Grazie in anticipo e complimenti per il sito ricco di info utilissime e completissimo!

Ciao Giuseppe, grazie per gli apprezzamenti su PeperonciniPiccanti 😉
A questa domanda ti ho risposto sulla pagina Facebook di PeperonciniPiccanti: posta lì la foto e vediamo se si riesce a capire di cosa si tratta.
Ciao

Buon giorno, sono in possesso di una pianta di carolina rea per, ho notato che ha da poco iniziato una nuova fioritura, devo prendere delle precauzioni per quanto riguarda il clima. Sono del nord-est Italia e il clima al mattino comincia ad essere freschino.

Ciao ho una pianta d carolina reaper mi fa i fiori e poi si ingialliscono e cadono … nel vaso ho terra normale e resta tutto il giorno fuori al sole tranne la sera che la tengo in camera e li do l’acqua nel sottovaso … vorrei sapere quanto sole e acqua devo darli x fare i primi frutti grazie

ciao ragazzi, non avevo visto una chat qua sono molto contento ci sia, sono un appassionato anche io dai peperoncini infatti ne ho una barca di piante, e quest’anno sembrano esplodere:-))) sono proprio pieno, ho letto il post di Thomas, ti diro, come ti è gia stato detto riduci le ore di esposizione solare e attenzione al vaso deve essere grosso… io quando sono piccole le piantine ogni anno si bloccano a 10 cm affinche non gli cambio il vaso, esagerate un po con i vasi e vedrete che differenza…(imparato a mie spese).
poi fa molto anche il concime, io faccio cosi… in inverno prendi il bel vasone, vuoti la terra, la giri, la rimetti nel vaso assieme al concime, abbonda pure un po, io uso letame avendo le galline e credetemi è perfetto poi durante l’inverno lasci il vaso fuori, ricordandosi il sottovaso, da li in poi non concimo più… d’estate verranno delle piante dure e forti, questo è il miglior modo che mi sono imparato.. saluti!!

Salve avrei bisogno di una conferma.
A Luglio, ho acquistato 2 piccole piantine di Carolina Reaper. Una messa nel terreno in giardino (e rimasta uguale, anzi, mangiata da insetti), l’altra nel mio terrazzo coperto da teli trasparenti. Quest’ultima, ad oggi, è alta 250cm :O
Ha molti fiori da più di un mese e, solo oggi, ho visto un piccolo frutto cominciare a spuntare.
Sono di Roma, zona est…è normale?
Da due settimane, gli do un concime per verdure (mai dato perché non so come usarli). Ha questa dicitura NPK 3+1.4+⅝. Quindi 3% Azoto (di cui 2.4% organico), 1.4% Fosfato e 5% ossido di Potassio. Do 1 tappo disciolto in 3 litri di acqua (su terreno umido) una volta a settimana.
Faccio bene a darlo? Se si, per quanto tempo?
Grazie per l’aiuto.

Ciao Peperoncini piccanti, concordo con il basso punteggio sul gusto, avrei messo anche meno. Forse il retrogusto più che amarognolo oserei definirlo quasi “metallico”!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra che completa l'operazione per verificare che non sei un robot *