Categorie
Ricette Piccanti

Peperoncini Ripieni

I peperoncini ripieni sono un immancabile sfizio tipico del sud Italia che, da qualche anno, ha allargato i suoi orizzonti anche altrove: questa semplicissima prelibatezza è uno dei piatti simbolo per chi ama il piccante.

Le ricette dei peperoncini ripieni si sprecano: si preparano ripieni di tonno acciughe e capperi (i più famosi), ma anche di tonno olive e formaggio, così come ripieni di tonno e pasta d’acciughe oppure ricotta salata e patè di olive. Mi fermo qui perché potrei continuare per ore…

Il peperoncino più indicato per fare i peperoncini ripieni è il peperoncino ciliegia, noto anche come peperoncino Bacio di Satana. La preparazione della ricetta è molto semplice, occorre solo santa pazienza e un po’ di attenzione all’igiene.

La ricetta che vi posto oggi è quella classica dei peperoncini ripieni di tonno capperi e acciughe, che evita lo sbollentamento in acqua dei peperoncini e li lascia più “croccanti”.

Quello che si ottiene sono le seguenti bombe di felicità.peperoncini piccanti ripieni

INGREDIENTI

  • 500 gr. di peperoncini Baci di Satana
  • 1 l di aceto di vino bianco
  • 240 gr. di tonno sott’olio
  • 8 filetti di acciughe sott’olio
  • 1 pugno di capperi sotto sale
  • 1 manciata di sale fino
  • vasetti di vetro (preferibilmente larghi)
  • olio extravergine d’oliva q.b.

PREPARAZIONE

  1. Lavare bene i peperoncini e asciugarli
  2. Eliminare il picciolo verde e svuotarli con l’aiuto di un cucchiaino eliminando i semi e l’anima (lasciare qualche seme li rende più piccanti). Consiglio di utilizzare il manico del cucchiaino, se è piatto
  3. Immergere i peperoncini svuotati in aceto e sale per 4 ore
  4. Sterilizzare i vasetti facendoli bollire per mezzora e farli asciugare, capovolti, su uno strofinaccio pulito
  5. Al termine delle 4 ore, far scolare bene i peperoncini su dei fogli di carta assorbente. Nel mentre preparare il ripieno
  6. Col minipimer, per comodità, frullare per pochi secondi il tonno, i capperi e le acciughe: attenzione, solo pochi istanti, per non distruggere la consistenza del tonno (si otterrebbe un patè, non una farcia)
  7. Farcire i peperoncini col cucchiaino o, se preferite essere più precisi, con una sac à poche da pasticcere
  8. Sistemare nei vasetti ottimizzando lo spazio e ricoprire d’olio
  9. Attendere 12 ore lasciando il tappo solo appoggiato sul barattolo, per far passare l’aria
  10. Trascorse le 12 ore sbattere leggermente il barattolo sul piano d’appoggio per assestare i peperoncini e far uscire l’eventuale aria intrappolata
  11. Rabboccare d’olio e chiudere bene
  12. Prima di consumare, attendere almeno 2 settimane

CONSIGLIO: se volete conservarli a lungo, anche un anno, è necessario far bollire i vasetti preparati per mezzora, in modo tale da mandare sottovuoto il contenuto (il tappo non deve fare più clic)conservare peperoncini ripieni

22 risposte su “Peperoncini Ripieni”

Ciao Rita!
Sono contento che le mie ricette al peperoncino ti piacciano!
Per i peperoncini ripieni, puoi anche seguire la modalità  della bollitura per uno o due minuti in acqua e aceto. Io non lo faccio perché, ma è un mio gusto personale, preferisco mantenere la croccantezza del peperoncino. Scottare il peperoncino che devi riempire fa sì che lo stesso tenda un po’ ad ammorbidirsi una volta conservati nel vasetto.
Vedi tu come li preferisci. “De Gustibus…”

Ciao!! Io preparo i peperoncini ripieni da anni, e la tua corrisponde esattamente al mio metodo… 🙂 però volevo fare una seconda variante di cui avevo letto, ma non ho avuto la prontezza di scrivere la ricetta: ricotta e capperi. Hai per caso qualche suggerimento? Grazie mille!!! 🙂

Ciao Miriam!
Certo, li ho fatti un paio d’anni fa e sono strabuoni.
La farcia la fai con della ricotta mischiata a del caprino spalmabile (400 gr. di ricotta, 200 gr. di caprino) e ci metti dentro i capperi tritati, un pizzico di sale e un po’ d’origano.
Se ti piace puoi tritarci dentro anche un paio di acciughine o qualche oliva nera.
Spero ti piacciano
Ciao

Ciao.
Io coltivo peperoncino da 3 anni, ma non mi sono mai azzardato a fare questa ricetta perché vengo continuamente scoraggiato da amici o conoscenti che hanno riscontrato grosse problematiche nel conservare i peperoncini per più mesi. Alla fine si ammuffiscono tutti i barattoli e si è costretti a buttare alle ortiche molte ore di lavoro.
Non è che mi potresti dare delle precise indicazioni sul metodo di sterilizzazione tramite bollitura? Se mai ci proverò voglio essere sicuro di fare le cose alla perfezione.

Grazie in anticipo e un in bocca al lupo per la stagione capsica di questo anno, speriamo che sia meglio di quella del 2013.

Ciao Fabrizio, il segreto per i peperoncini, dando per scontato che utilizzi vasetti precedentemente sterilizzati, è eliminare aria e acqua della conserva. Fai bollire i composti per mezzora se liquidi, poi metti nei vasetti e fai ribollire per mezzora avvolgendo i barattoli in fogli di giornale, e facendoli freddare lentamente nella loro acqua. Se invece fai prodotti tipo i peperoncini ripieni devi aver cura di eliminare bene l’aria: considera poi che acidità elevata e salinità diminuiscono la possibilità di fermentazione e formazione del botulino nei vasetti.

Ciao, anche noi facciamo una ricetta simile a questa (con poche acciughe perché non amiamo il gusto della acciughe) e ci mettiamo delle olive verdi a chiusura dei peperoncini!!! Very good!!! 🙂

Grazie per la ricetta!…
Ho provato pure io a prepararli ma i miei purtroppo sono “impazziti”.
Avevo trovato un metodo su internet che veniva definito “il più sicuro contro il botulino ” sebbene non assicurasse il 100% del risultato.
Ho preso i peperoncini tondi, li ho lavati, svuotatati e ripuliti; dopo li ho sbollentati in acqua e aceto (1:1) per 3 minuti e lasciati asciugare due ore. Nel frattempo ho preparato il ripieno: caprino schiacciato con ricotta fresca e scaglie di pecorino.
Ho proceduto poi a farcirli aggiungendo a completamento di ognuno un bel cappero e li ho riposti in vasetti con aglio, origano e olio extra vergine.
Come consigliato ho aspettato un po’ di tempo e li ho picchiettati alquanto prima di chiuderli e procedere ad una “casalinga pastorizzazione” facendo bollire il barattolo intero ben stretto. E qui deve essere successo un macello!
Un vasetto non si è rivelato perfettamente ermetico e ha lasciato entrare acqua… Gli altri tre sembravano perfetti, tappo “che non fa click” e aspetto molto appetitoso ma… dopo due settimana hanno iniziato a fare bollicine e a fermentare fino a che hanno incominciato a perdere olio emanando un odore ripugnate. Inutile dire che a malincuore ho dovuto buttare via tutto….
Che cosa ho sbagliato e come si fa ad evitare che si deteriorino così rapidamente?
Grazie per l’attenzione!!
Un saluto da una me sconsolata!

Ciao Diana, hai per caso utilizzato barattoli riciclati? Per una corretta conservazione il barattolo e soprattutto il tappo deve essere nuovo, altrimenti c’è passaggio di aria o acqua durante la pastorizzazione. Il problema principale credo sia quello. In alternativa potrebbe essere rimasta acqua nel peperoncino sbollentato oppure il caprino era fresco ed ha iniziato con la sua acqua interna a fermentare…

Salve,
vorrei sapere se lasciando i peperoncini nell’aceto oltre le 4 ore che tu suggerisci incide sulla “croccantezza” del peperoncino.In pratica ho letto la tua ricetta quando ormai avevo già pulito e lavato i peperoncini ed erano pronti per essere sbollentati…Che fare? Grazie

Ciao ho preparato i peperoncini e non ho fatto il sottovuoto alla fine. Ho solo riempito il barattolo e ricoperto con olio ma ho chiuso subito con il coperchio. Quanto tempo possono durare senza il sottovuoto? Pensi che il fatto che abbia chiuso subito il coperchio possa farli andare a male?

Ciao Ilenia, non c’è una risposta esatta alla tua domanda perché occorrerebbe verificare se l’aria all’interno è uscita tutta o meno… Incrocia le dita e controlla la consistenza del prodotto prima di consumarlo, in modo tale da verificare almeno le eventuali alterazioni visivamente.

Ciao, ho fatto un vasetto di peperoncini, ho seguito le tue indicazioni, ma quando ho fatto bollire il vasetto ma ad un certo punto ha iniziato a perdere olio, il tappo non fa clic, ma non so i peperoncini sono buoni o se devo buttare il tutto. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra che completa l'operazione per verificare che non sei un robot *