Categorie
Varietà di Peperoncino I Peperoncini più Piccanti

Naga Morich

Tra i più piccanti al mondo, ottimo per condimento vista l’assenza di note fruttate. Peperoncino da usare con moderazione

Il peperoncino Naga Morich è una varietà di Bhut jolokia, originaria dell’India, ottenuta da esso tramite miglioramento genetico.

Sicuramente tra i peperoncini più piccanti al mondo: ha ambito al record di peperoncino più piccante, raggiungendo oltre 1.100.000 Unità Scoville, anche se poi è stato superato ufficialmente (nel Guinness World Record) da altre varietà come il Trinidad Scorpion ButchT e il Carolina Reaper Smokin’ Ed.naga morich

Per coltivare il Naga Morich occorre considerare che è un peperoncino che predilige un clima caldo e umido, simile a quello tropicale. Affinché si possa coltivare in Italia, consiglio di ricorrere inizialmente all’utilizzo di una mini-serra artigianale tipo lightbox.

Il peperoncino è di forma simile al bhut jolokia, ma più piccolo, e rispetto ad esso è meno carnoso. La pianta di Naga Morich raggiunge in media un’altezza da terra di 60-80 cm.

In cucina, essendo una varietà estremamente piccante, lo consiglio per olio piccante e salse, evitando (se non abituati ai peperoncini super piccanti) il consumo a crudo.

Quest’anno ho messo a dimora un po’ di piantine di Naga Morich: se il tempo mi assiste, brucerò il palato di un bel po’ di curiosi. 🙂

Ecco com’è la pianta, coltivata in casa, e come sono maturati i miei peperoncini Naga.

pianta naga morichnaga morich peperoncino

91 risposte su “Naga Morich”

Mio figlio ha piantato questa razza di peperoncino piccantissimo…
Io non riesco proprio a mangiarlo, nonostante ami il piccante

Io ho mangiato il peperoncino e non ho notato tutto sto piccante,tenendo conto che mangio il peperoncino anche a colazione mia moglie mi dice che non sento più il forte, può essere?

Ciao Antonio, sicuramente tua moglie dice una cosa vera: se sei un consumatore abituale di peperoncino, le tue papille gustative tendono progressivamente ad abituarsi all’apporto di capsaicina che introduci per via orale.
Per una volta ti tocca darle ragione 😀

quest’anno ho seminato il Naga Morich e devo dire che finalmente ho assaporato la sua piccantezza…. Di recente avevo provato l’Habanero sia bianco che rosso, buono anche quello ma niente a che vedere in confronto. Ogni anno sono alla ricerca di semi…tu avresti qualche indirizzo?

Più che un commento vorrei farvi una domanda: le piante di naga morich devono essere ripiantate ogni anno oppure la stessa pianta, previa potatura, può produrre altri frutti?

Ciao Roberto, se fatte opportunamente svernare le piante possono durare anni. Personalmente preferisco ripiantarle perché mi evito la gestione delle stesse in inverno, ma nulla vieta di portarle da un anno all’altro senza problemi 🙂

Grazie ancora. Vi ho chiesto questo perché ho una pianta di naga morich che ha fatto i primi frutti a novembre e siccome sul terrazzo non maturavano, l’ho messa nel mio studio e, a dicembre, sono maturati tutti. Dopo aver tolto i frutti l’ho lasciata lì, vicino alla finestra e al termosifone, illuminandola per qualche ora con una lampada e cercando di compensare così le corte giornate d’inverno. Ora mi sembra che la pianta stia bene, ha sempre molte foglie e la innaffio ogni 2 giorni. Ma ora la devo potare? E, nel caso, a quale altezza?

La potatura, nel caso sia riuscito a far svernare la pianta di peperoncino, va fatta in primavera. Le tecniche sono tante, ma il mio consiglio è di non radere a zero la pianta, preservando le derivazioni principali del fusto, che altrimenti sarebbero difficili da far riformare

Salve, io abito in zona bresciana e ho piantato il naga morich, comprato in una serra… Volevo chiedere se questo peperoncino, piantato in queste zone, raggiunge i gradi di piccantezza che sono riportati nel testo?
La “troppa” annaffiatura può avere conseguenze sulla piccantezza?
Qualche piatto da mangiare con questo “diavoletto”?

Ciao Matteo! Benvenuto su PeperonciniPiccanti.com!
Il fatto che tu viva vicino Brescia non pregiudica affatto la piccantezza dei tuoi Naga Morich, visto che l’estate ha temperature decisamente calde che porteranno a maturazione i frutti della tua pianta. Per avere una piccantezza extra posso consigliarti di non innaffiare i tuoi peperoncini per tre giorno prima di raccoglierli: in questo modo la pianta assorbirà l’acqua che necessita in parte anche dai frutti, garantendoti una concentrazione più elevata di capsaicina nel frutto raccolto. Le annaffiature incidono sicuramente sulla piccantezza, ma con quanto detto prima puoi andare tranquillo. Per l’utilizzo in cucina del peperoncino naga morich, estremamente piccante, ti consiglio di affidarti al tuo grado di sopportazione, ma se vuoi puoi vedere qui qualche ricetta che ho preparato io: http://www.peperoncinipiccanti.com/tag/ricette-con-naga-morich/

a pisa riesco a trovare in serra le piantine già  alte una 15ina di cm per poco euro

l’hanno scorso ho avuto un raccolto ottimo, l’anno prima avevo provato gli habanero ma non mi son piaciuti, modificavano il sapore del piatto.
sono entusiasta di questa qualità  perché è così piccante che non si sente nessun altro retrogusto

il raccolto è stato abbondantissimo, ho rifornito parenti amici e chiunque sia passato da casa mia nel frattempo

per essiccarli senza che ammuffissero li tenevo un po in acqua e bicarbonato e sono riuscito a preparare le coroncine stile calabrese

quest’anno ho già preso una nuova piantina ma nel frattempo mi stanno spuntando spontaneamente i germogli dove avevo la pianta l’hanno scorso.

buon giorno a tutti, oggi ho mi sono arrivate le mie prime 6 piantine di peperoncino , ho acquistato 6 varietà diverse in modo da poter variare.
1 di varietà condor,originaria del Perù e dovrebbe dare frutti dal verde arancio al viola
1 di habanero red
1di habanero orange
1di varietà maya
1 di varietà jalapeno
1 di varietà naga morich
vorrei sapere ,se le tengo in vaso ,all’esterno in una zona riparata dal vento e in pieno sole ,cresceranno senza problemi?

Ciao Andrea, i tuo PeperonciniPiccanti cresceranno senza problemi se li hai messi in vasi sufficientemente ampi e li alimenterai aiutandoti con del concime. Per il resto il vaso non è un limite, anzi, potrai anche far svernare le piante

Ciao, ho piantato da pochi giorni nel mio orto due piantine di Naga Morich alte circa 15 cm. La zona è molto soliva, le temperature vanno dai 15 ai 25 gradi attualmente (nord Italia) e la terra è molto buona. E’ possibile che riesca ad ottenere qualche peperoncino? o senza coltivare indoor è molto difficile?
Che precauzioni devo tenere eventualmente?
Grazie in anticipo per una risposta.

Ciao Camo, dovresti riuscire a produrre tranquillamente a fine estate (credo che la tua piantina abbia almeno due mesi). La coltivazione indoor è praticamente necessaria per tutti i chinense, al fine di arrivare a piantare i peperoncini in terra piena o in vaso con trapianto definitivo entro maggio.
Abituala all’esterno passando dalla penombra alla luce mattiniera, per poi portarla progressivamente in zona di sole pieno

Ciao a tutti sono il nokkia da quest’anno mi piacerebbe coltivare l’habanero e il naga moric come mi devo comportare ? Vi posso dire ke vivo a 800 mt in Toscana però ho costruito una serra … Vi dico anke ke pianterò direttamente le piantine ma nn so quanta acqua e ke tipi di concimi devo usare … Grazie a tutti x i consigli ciao ciao

Ciao Nokkia! PeperonciniPiccanti.com ti da il benvenuto!
Puoi leggere i pochi articoli dedicati alla coltivazione nella sezione dedicata: lì potrai trovare informazioni in merito alla coltivazione del peperoncino, il setup ideale di temperatura e umidità , nonché le basi per capire come illuminare le piante di peperoncino artificialmente.
Per i concimi puoi usare la nitrophoska, normale concime NPK in granuli, ma ne esistono di tanti tipi per i peperoncini (organici e non).
Per quanto riguarda l’acqua, invece, ricorda che i peperoncini non gradiscono acqua diretta al fusto, piuttosto è meglio fare una cunetta parallela al filare da cui loro lateralmente attingeranno l’acqua necessaria.
Un saluto

Ciao un mio amico mi ha regalato 4 piantine di naga alte poco più di 5 cm.
le ho divise in 4 vasi differenti e le annaffio una volta al giorno.
stanno all’aperto giorno e notte e tendenzialmente si prendono tutto il sole della giornata.
il problema è che non le vedo molto bene, le foglie non sono verdi accese e tendono ad arricciarsi.
che devo fare per salvarle?
grazie in anticipo

Ciao Artu, meglio mettere qualche pallina di nitrophoska (se non hai già  concimato) e portare la piante all’ombra in una posizione che prendano solo il sole delle prime ore del mattino. Innaffia poi quando vedi la terra asciutta, magari una volta al giorno è troppo. Per rinverdire le foglie, esiste poi il ferro chelato, che puoi anche spruzzare direttamente sulle stesse, ma prova prima quello che ti ho detto
Un saluto

Salve a tutti volevo sapere perché il mio naga morich nonostante la crescita eccellente e la miriade di fiori continuino a seccare anziché trasformarsi gradualmente in frutti.. forse è troppo presto?
Grazie a tutti!

Ciao a tutti, ringrazio per il consiglio, ma cosa intendi per temperatura?? Troppo caldo? Oppure il contrario? Grazie mille!!

Ciao PeperonciniPiccanti volevo chiederti se le piante di nagamorich possono essere coltivati in collina a circa 600 metri… il terreno é argilloso anche se letamato tende a far ristagnare l’acqua… pensi che sia meglio mettere la pianta gia grande sotto un albero dove ha ombra nelle ore più calde (11-16)?

Ciao, in collina è possibile e non devi ridurre l’esposizione, ma la terra argillosa non è proprio il massimo. Nel caso fai una cunetta lateralmente alla pianta e irriga abbondantemente da lì in piena terra.

Mi piace il piccante e quest’anno ho deciso di provare a coltivare in vaso alcuni peperoncini. Ho comprato in serra all’inizio di maggio 2 vasi con piante già  formate di circa 20 cm di altezza, una di
CAYENNA CORTO e l’altra di NAGA MORICH che ho tenuto in veranda perché la temperatura notturna mi sembrava troppo bassa. Adesso le ho messe sul balcone e il CAYENNA sta dando una buona produzione di peperoncini che gradualmente passano dal verde ad un bel rosso brillante. Il NAGA, invece, riesce a produrre solo parecchi fiorellini bianchi la maggior parte dei quali secca e cade. E’ normale e devo solo aspettare per avere frutti o sto sbagliando qualcosa? Grazie

Ciao Paolo, benvenuto su PeperonciniPiccanti!
Su piante giovani è normale che all’inizio possano esserci problemi a far allegare i primi fiori.
Se il fenomeno persiste si parla di cascola, che però può essere generalmente riportata a due casi: per temperature non ideali (troppo basse) e mancanza d’aria (tieni la pianta dentro casa?), oppure per mancanza di sostanza (in questo caso preferisci un concime NPK sbilanciato in fosforo e potassio, con poco azoto in percentuale quindi, possibilmente che abbia dentro anche boro e magnesio, elementi che aiutano l’allegagione)

Ciao, grazie per l’accoglienza e per la risposta. La situazione del mio Naga Morich non è migliorata. La pianta sta apparentemente bene, con belle foglie verdi ed è cresciuta parecchio da quando l’ho comprata, ma non riesce a dare frutti. Ormai i fiorellini sono quasi del tutto caduti. Non penso sia un problema di aria né di temperatura perché è sul terrazzo e adesso abbiamo circa 30°C. La concimo ogni settimana con un NPK 5-7-12 che mi hanno consigliato in serra specifico per orticole da terrazzo. Ora la mia domanda è: c’è speranza che dia frutti il prossimo anno e, in questo caso, come mi devo comportare per il periodo invernale? Grazie per l’attenzione

Paolo, non disperare, hai ancora tutta la stagione davanti. Inizialmente un po’ di perdita di fiori è normale, soprattutto con piante non in serra. Continua con la concimazione sbilanciata verso l’alto in Potassio e Fosforo, al massimo puoi mettere qualche goccia di limone nell’acqua di irrigazione per aiutare la pianta ad assorbire il nutrimento. Se il clima è ok vedrai tanti nuovi fiorellini spuntare e allegare

finalmente, quest’anno, ho avuto una più che soddisfacente allegagione !!! .. di NAGA , SCORPION, CHOCOLATE e WILLY PEPPER !!! .. non ne sono certo ma dovrebbe dipendere da un “particolare” tipo di annaffiatura che ho adottato, solo quest’anno, dietro consiglio di un coltivatore di funghi in serra !!…l’anno prossimo ripeto l’esperimento e, se risulterà ancora positivo, lo scriverò in rete !!! ciao a tutti e….. non mettete le dita negli occhi dopo aver maneggiato “gli assassini” !!!

ho comprato una piantina di naga morich, travasata e fin qui tutto bene ma…nonostante la nascita di un frutto mi accorgo che i fiori della pianta cadono, qualcuno mi può spiegare perché e come riparare?

Ciao Nino, inizialmente una caduta di fiori è generalmente normale, ed è dovuto al fatto che la pianta giovane o in ripresa vegetativa destina le proprie forze ad accrescere l’apparato fogliare in primis, sacrificando la prima fioritura. Se il fenomeno invece è persistente si parla di cascola. Per ovviare a tale fenomeno, di solito si consiglia di concimare con un NPK sbilanciato verso l’alto in Fosforo e Potassio, tipo 4-16-20, 8-20-30, ecc.
Meglio ancora se il concime è arricchito di Boro e Magnesio.

Ciao a tutti, sono da sempre appassionato di cibi piccanti ed oggi ho acquistato per pochi euro una piantina di Trinidad Red Scorpion di 20/25 cm. con molti fiori e 3 frutti ancora verdi. Dato che vivo a 800 metri di altezza sulle montagne bergamasche, ho qualche timore a mettere la piantina a dimora in giardino per l’instabilità  della temperatura esterna quindi vi chiedo un consiglio per non rischiare di perderne i frutti. Grazieeee

Ciao Carlo, il consiglio che posso darti è quello di tenere la pianta al riparo dalle temperature notturne basse, visto anche il tempaccio di questa pazza estate. L’importante è che le piante prendano sole per almeno qualche ora al giorno e le temperature non si abbassino mai al di sotto dei 10°C (lo dico per esperienza, anche se in teoria si dice che non debbano mai arrivare a temperature di congelamento della linfa…). Nel caso notassi che le temperature si abbassano ulteriormente, ti consiglio di leggere il post sulla costruzione della grow-box, dove sono indicati i parametri di setup artificiale ideali che la crescita delle piante indoor.

Ciao sono Salvatore ho 8 piantine di naga morich volevo solamente chiedere: per innaffiare , un impianto con ala gocciolante e sconsigliato… O no.
Sono piantate ancora nei vasi,ma sto preparando un aiuola per sistemarli.e il concime …..e sono ancora un po inesperto…. Solo che da un mio amico ne ho assaggiato un pezzo con della carne e mi e venuto in mente di passarmi il tempo coltivandoli…..gradirei qualche consiglio.

Ciao Salvatore, l’unica controindicazione per l’annaffiatura dei peperoncini è darla sulle foglie.
La concimazione del peperoncino è preferibile che avvenga in fase pre-fruttificazione. Esistono milioni di tipi di concimi, ma ti riporterei ad un economico e generico NPK a lento rilascio, in granuli, che in fase vegetativa deve prediligere la componente azotata, mentre in fioritura si preferisce avere concimi sbilanciati verso l’alto, ovvero percentualmente più ricchi di fosforo e potassio rispetto all’azoto.
Spero di averti dato qualche indicazione utile 🙂

Grazie per i tuoi preziosi consigli. Ho provveduto a mettere al riparo di notte in casa la piantina ed i risultati sono stati che i frutti sono diventati 7 e che stanno maturando (come posso mandarti una foto?)
Terminata la stagione, vorrei salvare la pianta per il prossimo anno: quali sono i modi e i tempi per metterla in un vaso più grande?
Carlo

Ciao, posso avere qualche dritta per la semina di questa specie? Lo scorso anno seminando a febbraio sono morte tutte le piantine germogliate, mentre gli altri peperoncini che coltivo sono andati alla grande.
Sapevo fosse una specie delicata ma non fino a questo punto.

Ciao Giacomo, nella sezione coltivare il peperoncino hai pochi ma fondamentali articoli che ti permetteranno di coltivare in casa i tuoi naga morich. Per la germinazione segui il collaudato metodo Scottex e poi aiutati con i consigli forniti per la costruzione di una piccola growbox, dove sono riportate le poche ma essenziali regole da rispettare perché le piante crescano senza problemi indoor nel periodo in cui il clima esterno non lo permette.

Ciao un piacere conoscervi. Ho una pianta di Naga Morich con un altezza di 60 cm 2 peperoncini quasi pronti ed altri verdi, ho tagliato un pezzettino di quelli rossi ma sembra ancora un peperone quando potrebbe essere pronto grazie

Ciao Alberto, devi aspettare che il Naga giunga a colorazione definitiva per raccoglierlo maturo, io generalmente raccolgo almeno una settimana da tale momento. Se poi vuoi aumentare la sua piccantezza, prova a raccogliere dopo che hai sospeso l’acqua d’irrigazione per un paio di giorni

salve a tutti, mi chiamo Nicolò e sono un cuoco della provincia di Viterbo…usando peperoncini nella cucina del ristorante in cui lavoro e guardando tutti i post delle varie richieste di come usarli in cucina e la passione di questi frutti (li uso per vedere le reazioni di quelli che lo vogliono provare) ho pensato che sarebbe ideale acquisire delle idee e dei consigli su come coltivarli e dare dei consigli su come usarli e magari distribuirne un po’ nei dintorni..innanzitutto volevo dire che il naga morich, se siete resistenti al piccante, è ottimo per delle semplici arrabbiate o come “condimento” per gli hamburger fatti in casa, se invece non amate i pezzi di peperoncino in mezzo alle pietanze potreste usarne 3 o 4 per una marmellata dove viene attenuato un po’ l’effetto della capsaicina ma vi permette si assaporare di più il sapore del naga, anche se le marmellate di peperoncini danno il meglio di loro con l’haba nero orange e red (già  provate sui formaggi e bisogna dire che le persone che l’hanno gustata ne sono rimaste soddisfattissime) ora vorrei chiedere se qualcuno di voi ha delle piccole idee su come usarli nei dessert a parte il famoso gelato al peperoncino e il tiramisu con l’habanero white!! grazie tante della disponibilità!!

Buongiorno, ho letto il suo post sul peperoncino Naga Morich. Recentemente la pianta contenuta nel mio orto ha raggiunto un altezza decisamente superiore a quella riportata nella sua descrizione (circa 2m e non accenna a fermarsi).
Mi chiedevo se potesse essere un caso interessante da segnalare oppure rientra nella norma.

Se volesse scrivermi i suoi pareri alla mail sarei ben lieto di inviarle delle foto.

Un cordiale saluto

Altomonte Nicola

Buongiorno Nicola, le dimensioni riportate nella scheda del Naga Morich sono medie, ma a seconda del substrato di semina e della concimazione si hanno anche crescite superiori come accaduto nel tuo caso. Sicuramente è un caso interessante, purché indichi la tecnica e le modalità usate per la coltivazione che hanno poi portato a tale sviluppo

Ciao a tutti volevo sapere se e come può influenzare l’altitudine della mia città  (abito a Brunico in Val Pusteria) sul grado di piccantezza, e se con un estate così fredda può avere un effetto negativo sempre riguardo al grado di capsaicina

Ciao Andrea, come spiegato nella mia biografia, non posso darti una risposta scientifica perché sono un amatore e non un biologo… Proverò però a riportarti il frutto della mia esperienza. A basse temperature la pianta cresce comunque e, se non sono prossime a quelle di congelamento, la stessa porta a maturazione i frutti senza problemi. Per quanto riguarda la piccantezza credo che la concentrazione possa variare come dici, ma non in quantità  eccessiva. Sempre da quanto ho notato, il fattore che incide maggiormente sulla piccantezza dei peperoncini è la quantità  d’acqua d’irrigazione: va da sé che se il tempo non è buono, e da te suppongo che siano state frequenti anche le piogge, i risultati siano percepibili. Puoi provare a risolvere evitando di innaffiare la pianta di peperoncino per due o tre giorni prima di raccogliere i frutti: in questo modo la pianta cercherà  l’acqua di cui ha bisogno togliendola ai frutti, che risulteranno meno acquosi e quindi più piccanti.

Io ho piantato 18 tipi di pepper compreso il naga che lo ammetto spacca ma come sapore non è il massimo.. i migliori come sapore sono il tabasco,i capezzoli di scimmia boliviani e gli habanero sopratutto quello arancione

Ciao Stef, il naga morich anche a mio parere non è il più aromatico tra i peperoncini superhot. Vero è che tutto dipende dall’utilizzo che vuoi farne: se infatti serve piccantezza ad una ricetta senza che però l’aroma tenda ad assumere profumi esotici, il naga può essere il peperoncino ideale.

Buongiorno volevo chiedere se è normale che la mia piantina di Naga Morich coltivata in serra a quota di circa 500mt nelle valli bergamasche ad oggi è piena zeppa di peperoncini ma nemmeno uno tende a cambiare colore!!!

buon giorno io ho già nel mio terrazzo alcune piante di habanero ho acquistato dei peperoncini Trinidad moruga scorpion, desidererei sapere quando vanno fatte le semine e con che tipo di terriccio . ringrazio alla prossima.

Buonasera volevo chiedere un sistema valido per essiccare il naga morich, perché io dopo la raccolta (2 piante) li ho appesi a casa ma stanno diventando neri, che posso fare?

Buongiorno.
C’è il modo per contraddistinguere un habanero da un naga morich? Ho entrambe le piante, cariche di frutti, ed apparentemente mi sembrano uguali. Sarà mica che il vivaista mi abbia venduto la stessa razza, spacciandomele per diverse? Grazie

Ciao Carissimi Gloriosi Amanti del piccante.! Ieri sera ho portato a casa una pianta gigantesca di naga morich cioccolato. Abbiamo fatto le Costate e salsicce e mi sono gustato uno crudo senza il semi…. Fantastico Gusto Aroma tonalità !

Ciao, quest’anno ho piantato sul balcone tre peperoncini: Naga Morich, Habanero Orange e Trinidad scorpion. Sono maturi già da più di un mese col caldo che c’è stato a Parma. Nonostante ciò ho notato che tutti e tre non sono affatto così piccanti come si dice. Non capisco a cosa possa essere dovuto. Non ho abbondato particolarmente con l’acqua, tranne che nei giorni di gran caldo. Ho concimato adeguatamente i vasi (da 15 litri ciascuno) sia con fertilizzanti completi che con solo potassio per la fruttificazione. Il raccolto quindi è stato abbondante (circa 30 frutti a pianta) ma il livello di piccantezza è (almeno per me) piuttosto basso

Ciao Giovanni, hai provato a non irrigare per un paio di giorni prima di raccogliere? Può essere un trucchetto per aumentare la piccantezza dei frutti raccolti. Ti assicuro però che, a meno che non abbia la bocca di amianto, le varietà che citi difficilmente lasciano indifferenti come dici. 😉
Sospetto che non siano varietà pure… Prova a pubblicare le foto che hai delle singole varietà sulla pagina Facebook di PeperonciniPiccanti e vediamo se, almeno dal lato estetico, possono essere conformi 🙂

Ciao, grazie per la risposta. Effettivamente a questo punto il dubbio è venuto anche a me. Stasera ho mangiato insalata di pomodoro con un intero scorpion a pezzettini. Era piccante, ma non da lasciare senza fiato (in genere con i peperoncini molto piccanti ho il singhiozzo, ad esempio con un Bhut Jolokia che ha portato un mio collega per pranzo).
Oltre alle varietà non proprio pure, la coltivazione in vaso invece che in piena terra può influire?

Non so la risposta con certezza basandomi su qualcosa di scientifico, ma da quanto posso dirti per esperienza, le piante in terra piena mi sono uscite sempre più piccanti di quelle in vaso, anche se l’esposizione è diversa (in terra, dove le ho posizionate, rispetto ai vasi, hanno più sole)

Ciao, ho piante di naga morich da questa primavera coltivate partendo dai semi. Da qualche giorno ho notato sul tronco di due piante delle specie di vesciche. Cosa puo essere?
Grazie

ho piantato un naga morich dal seme e oggi finalmente ha fatto il primo frutto, uno solo…
mi devo aspettare che ne arrivino degli altri? la tengo ad atene fuori in balconoe e di notte la sposto dentro casa, faccio bene?

Grazie per questo interessantissimo post e sito web!
L’altro giorno ho comprato una pianta di Naga Morich, di Habanero Red (ma non credo sia il Red Savina perchè c’è scritto solo Red) e di Fatalii yellow.
Io l’anno scorso ho coltivato l’Azteco, trovandolo buonissimo anche se non ha una piccantezza estrema,
Infatti volevo chiederti se sai quanto è sulla scala di Scoville il Fatalii yellow e come si sente in bocca (se è aromatico, ecc…). E se sai anche quanti gradi è l’Azteco così faccio un paragone e so cosa aspettarmi (più o meno).
Grazie!

Ciao, scusa se non ho risposto al messaggio prima ma era finito tra i commenti indesiderati… Cerco di soddisfare la tua richiesta adesso, anche se tardi, pur invitandoti a considerare che la piccantezza dei una varietà non è standard ed è influenzata da molti parametri come latitudine, tipo di terreno, acqua di irrigazione, esposizione solare, etc. In teoria, comunque, il fatalii yellow sulla scala Scoville ha valori che si aggirano tra 150000 e 300000 unità. Per quanto riguarda il sapore è decisamente fruttato e aromatico, con una persistenza della piccantezza piuttosto elevata.
Per quanto riguarda l’azteco non saprei dirti con esattezza, quindi lascio ai posteri l’ardua sentenza 🙂

Il Naga Morich, a mio avviso, è il miglior peperoncino che abbia mai mangiato.
Piccantezza elevata, ma sostenibile, non altera il sapore delle pietanze, bello esteticamente.

Ho provato anche i classici “spaccabudella” (Trinidad Scorpion, Carolina Reaper, ecc…), ma non rientrano neanche più nella categoria dei peperoncini, bensì nelle armi nucleari, e non li si riesce a gustare.

Il Naga, il mio preferito!

Ciao, ti scrivo perchè ho un problema con i miei Naga…le piante sono già ben sviluppate, le foglie sono belle verdi e ha fatto un buon numero di fiori…ed è qui che arrivano i problemi: i fiori sbocciano ma quando arriva il momento di dar vita al frutto si staccano :/ cosa sbaglio? sono ancora in tempo per sperare in qualche frutto? li ho seminati ad aprile.

grazie mille e complimenti per la pagina!

Riccardo

vorrei sapere se la polpa ed i semi hanno la medesima piccantezza.
Io li taglio a metà, tolgo i semi per ripiantarli l’anno successivo.
La polpa la faccio essiccare o la conservo in olio extravergine d’oliva.
Operazione corretta!!!!!!
Grazie

Ciao Renzo, la piccantezza non risiede né nei semi né nella polpa, ma nella placenta, ovvero quella pellicola trasparente che avvolge l’interno del frutto e che sviluppa il peduncolo centrale cui i semi sono attaccati. Semi e polpa diventano piccanti perché a contatto con essa.

Buongiorno,
Ho impiantato il semino del peperoncino Naga Morich in quella vaschetta di polistirilo che all’interno ci sono tante vaschettine con il vasino minuscolo che x ogniuna va inserito il semino – ora vedo gia la piantina minuscola; giunto ha questo punto da quando: IO POSSO IMPIANTERLE NEL GIARINO?
Cordiali saluti e tante grazie
Giovanni

Ciao sono Lorenzo,
Vorrei chiedervi consigli su come coltivare il naga morich. Ho acquistato la pianta alta una ventina di centimetri in un vivaio con vaso da 14. L’ho piantata in piena terra vicino alle aromatiche. Che precauzioni devo adottare per assicurare vitalità alla pianta? Annaffiature? Concimazione ogni quanto?
Grazie mille in anticipo.

Ciao Lorenzo, hai già letto gli articoli dedicati proprio alle domande che mi hai posto? 🙂 Per quanto riguarda le annaffiature dei peperoncini, ricorda che la terra dev’essere sempre umida ma senza ristagni e la concimazione continuativa, benché variabile nei componenti, come scritto nel post dedicato alla concimazione dei peperoncini

Grazie! Ma preso dall’enfasi ho scritto subito chiedendo informazioni. Ora vado a leggere gli articoli. Grazie di nuovo!

P.s. tra l’altro ho appena portato a casa una pianta di habanero chocolate e un trinidad scorpion, ma questi li coltivo in vaso. Il naga provo a sperimentare in piena terra. Speriamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra che completa l'operazione per verificare che non sei un robot *